Analisi biometrica delle impronte digitali

Il test biometrico mymarq è il risultato di esperienze empiriche di tante persone del settore sull’arco di decenni. Si basa su fatti scientifici e sulla stessa classificazione della polizia scientifica: noi come loro definiamo le forme come “vortice”, “laccio” e altro. Una delle prime persone che ha usato il dato biometrico delle impronte digitali per estrarre informazioni diverse da quelle della polizia è stato Richard Unger, il quale nel giro di 50 anni ha analizzato oltre 50'000 paia di mani ovvero 500'000 impronte digitali. Marianne Volonté, avvocata di professione, ha seguito i corsi di Unger e di altri analisti di mani e impronte digitali a Zurigo e Londra. Nel 2016 ha costituito la società Handpower con sede a Lugano. Dopo diversi anni di pratica e di esperienza empirica su oltre 60’000 impronte digitali, ha deciso di dedicarsi interamente alla ricerca, basandosi su evidenze ed esperienze psicologiche e distanziandosi da ogni e qualsiasi interpretazione esoterica. Il risultato è il test biometrico mymarq. Handpower è pure socio dell’EAB (European Association for Biometrics) e collabora con esperti scientifici e forensici nell’ambito dell’identificazione e classificazione delle impronte digitali.

Perché fare il test?

Anzitutto per imparare a conoscersi.

Il test biometrico mymarq permette infatti di evidenziare dati riguardanti il comportamento, il carattere, le sfide e i potenziali dell’individuo. Il test distingue 5 caratteri base e 25 possibili combinazioni. In pratica, analizzando le impronte digitali di tutte le 10 dita, siamo in grado di dare delle informazioni di diverso tipo a clienti interessati.

E` provato scientificamente che le impronte digitali sono fissate definitivamente al quarto mese di gravidanza:  sono uniche, independenti da DNA, sesso, età etc. e rimangono invariate vita natural durante. Non possono essere manipolate o influenzate come succede con altri test usati nelle risorse umane, nell'assunzione del personale o in altri contesti. Il test è veloce e ripetibile: ma anche rifacendolo a distanza, il risultato sarà sempre lo stesso, e questo è un criterio che ne conferma la scientificità.

Pertanto le rilevazioni si basano su elementi oggettivi ed il risultato è su misura per ogni singolo soggetto.